SFONDOQGIS.jpg

ATLANTE CLIMATICO della Temperatura dell'Aria

Una raccolta di mappe di temperatura dell’aria ad alta risoluzione per la progettazione e la pianificazione territoriale a scala urbana

Licenza

Il Database ClimaMI è pubblicato sotto licenza 

Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY-4.0)

by.png

Per un'approfondita comprensione della struttura, funzionamento e utilizzo del database, degli indicatori climatici e dell'Atlante Climatico, si raccomanda la lettura delle linee guida, in particolare dei capitoli:

Dominio e caratteristiche spaziali

L'Atlante ClimaMi è studiato e strutturato per essere operativamente di supporto ai professionisti che, nella loro attività progettuale e pianificatoria, decidano di utilizzare dati climatici di temperatura dell’aria aggiornati e sito riferiti. L’Atlante risolve il tessuto urbano, periurbano e rurale, fornendo indicazioni quantitative anche ove non vi siano stazioni meteorologiche di riferimento.
 

Consiste in una serie di mappe che restituiscono la distribuzione spaziale dei valori di temperatura dell’aria media ed estrema, riferita allo strato atmosferico prossimo al suolo (estremità superiore della canopea urbana, circa a livello tetti) e su una griglia regolare di 100 metri x 100 metri che copre il territorio in figura. Per ogni cella è disponibile anche la corrispettiva incertezza di misura. L’Atlante è fruibile in WebGIS.

Isola di Calore, Ondata di Calore e Situazioni Tipo Climatiche

L’Atlante ClimaMi caratterizza i fenomeni ed eventi estremi di tipo termico, da considerare in tutte le attività di pianificazione e progettazione urbanistica che, tra i propri obiettivi prioritari, annoverano l’adattamento ai cambiamenti climatici in corso:

  • l’isola di calore urbana (UHI Urban Heat Island), fenomeno termico determinato dalle caratteristiche di ogni contesto urbanizzato ed esteso allo stesso spazio urbano; l’UHI è più frequente e intensa nelle stagioni invernale ed estiva; 

  • l’ondata di calore, evento meteorologico persistente per più giorni consecutivi  caratterizzato da elevati valori estivi, diurni e notturni, di temperatura dell’aria su ampia scala spaziale (da regionale a continentale); la presenza di UHI rende più intensa l’ondata di calore nelle città.

L’Atlante permette di indagare le condizioni di isola di calore e/o di ondata di calore anche nelle differenti Situazioni Tipo Climatiche (STC) che caratterizzano il territorio e a cui corrispondono diverse distribuzioni spaziali di isola di calore  e di ondata di calore. Per ogni STC sono disponibili le mappe di temperatura media dell’aria, denominate in funzione della localizzazione dei massimi di temperatura nell’area urbanizzata più estesa del bacino comprendente Milano e i centri limitrofi.

DATI AL SUOLO E DA TELERILEVAMENTO

Le mappe dell’Atlante sono state elaborate a partire dai dati rilevati da due diverse tipologie di strumentazione di monitoraggio:

  • le stazioni meteorologiche al suolo

  • il satellite Sentinel-3 dell’European Space Agency

Le prime sono fondamentali per ottenere una realistica distribuzione di temperatura nei bassi strati atmosferici e la qualità delle mappe, in termini sia quantitativi che di risoluzione spaziale, è tanto più alta quanto maggiori sono il numero e la densità delle stazioni di misura al suolo nel dominio territoriale analizzato.

Per l’Atlante ClimaMi sono state considerate le stazioni di misura della temperatura dell’aria di tre diverse reti meteorologiche: 

Periodo e dettagli temporali

Per tenere adeguatamente conto dei mutamenti del clima in corso, si è utilizzato come base di calcolo il periodo dal 2016 al 2019, quindi quattro anni meteorologici.

Si sono considerate le sole stagioni meteorologiche in cui si verificano con una certa frequenza il fenomeno dell’ isola di calore e gli eventi estremi di ondata di calore:

  • ESTATE (da 1 giugno al 31 agosto)

  • INVERNO (dal 1 dicembre al 28 febbraio)

Le mappe si riferiscono a due fasce orarie mattutina e serale, per le quali sono disponibili i dati satellitari necessari alla stima delle temperature dell’aria:

  • 11:00, indicativa della fascia mattutina 10:00-12:00

  • 22:00, indicativa della fascia serale 21:00-23:00

Tali fasce orarie, pur non identificando i massimi diurni e notturni di temperatura dell’aria, si possono considerare indicativi del valore degli stessi e soprattutto rappresentativi della corrispondente distribuzione spaziale di temperatura.

Contenuti dellAtlante ClimaMi

È’ possibile consultare le mappe climatiche di temperatura dell’aria a livello stagionale (estate/inverno) o al dettaglio di Situazione Tipo Climatica. Sono dunque visionabili e scaricabili  due diversi livelli di aggregazione climatica:

  • Livello  1 (consigliato per quasi tutti gli usi applicativi): valori medi ed estremi STAGIONALI:  Media e Massimo di temperatura in ESTATE, Media e Minimo di temperatura in INVERNO

  • Livello 2 (consigliato per utenti più esperti di climatologia e particolari usi applicativi): valori medi per Situazioni Tipo Climatiche.

Le mappe possono essere scaricate nei seguenti formati:

  • immagine raster (pdf, jpg, png, svg), a diverse scale e risoluzioni DPI (simbolo 🖨 , menù a sinistra)

  • layer vettoriale  (GeoJSON, GML), con riferimento ad opportuna selezione dell’area di interesse (simbolo ★, menù a sinistra).

NOTA: lo scarico vettoriale è ancora in fase di implementazione. È attualmente fruibile solo su aree limitate del dominio (numero di oggetti selezionati, ovvero celle 100m x 100m, inferiori a 4200) e in pochi formati.  

 
 

Partenariato

Con il contributo di

logoF_OMD_lungo_400px_TRASP_xclimaMI.png
FOIM-logo.png
logo_ordine_architetti_.png
FLA_.png
ML_FCARIPLO_web_piccolo.jpg

Quest’opera è pubblicata sotto la licenza

Creative Commons  CC BY-NC-ND 3.0 IT

Cc_by-nc-nd_euro_icon.png